SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

REGOLAMENTO AI SENSI DEI PARAMETRI MINISTERIALI

Art. 1) INFORMAZIONI GENERALI

Allo scopo di perseguire i fini  previsti dall'Art.4 dello statuto dell'A.R.I.R.I. viene costituita la SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA,  struttura avente  funzioni didattiche e formative nel campo della psicoterapia psicoanalitica individuale.  Il corso di specializzazione è riconosciuto dal Ministero e abilita alla professione di psicoterapeuta,

rilasciando un diploma valido per l'inserimento negli elenchi degli psicoterapeuti istituiti presso gli Ordini degli Psicologi e  dei Medici. Il diploma consente la partecipazioneai concorsi pubblicipresso le aziende sanitarie che richiedono questo titolo.

L'orientamento teorico della Scuola si riporta alla tradizione della Psicoanalisi internazionale, a partire dalla formulazione originaria freudiana sino alle maggiori correnti e scuole psicoanalitiche

La Scuola opera nel rispetto delle normative nazionali che regolano la formazione nel settorealle quali si conforma e della specifica area culturale della psicoterapia secondo il modello teorico di riferimento.

 

Art. 2) CARATTERISTICHE GENERALI DELLA FORMAZIONE 

Il corso di Formazione ha durata quadriennale.

Il numero delle ore annuali d' insegnamento teorico e di formazione pratica è determinato in misura non inferiore a 500, di cui almeno 150 dedicate al tiroconio in strutture e servizi pubblici o privati accreditatinei quali l’allievo può confrontare la specificità del proprio modello di formazione. 

 

La Formazione Teorica prevede:

a. un’ampia parte  di psicologia generaledi  psicologia dello sviluppo,  di  psicopatologia  e  diagnostica  clinica  nonché  la  presentazione  e discussione    dei  principali indirizzi  psicoterapeutici.

b. l’approfondimento specifico dell’indirizzo metodologico e teorico-culturale seguito dalla scuolaL'insegnamento teorico privilegia il modello seminariale con finalità didattica attiva

La Formazione Pratica prevede:

a. una formazione coerente all’indirizzo psicoterapeutico adottato dall’istituto che prevedeoltre a specifici momenti formativi, la supervisione di gruppo delle psicoterapie attuate dagli allievi durante l’addestramento pratico. Tale formazione professionalecoerente con gli indirizzi della Scuoladeve attuarsi secondo le direttive del Consiglio dei Docenti.

b. il tirocinio deve svolgersi presso strutture e/o servizi pubblici o privati accreditati, sotto la supervisione di un tutor di indirizzo metodologico e teorico-culturale coerente a quello seguito dalla Scuola. Il tirocinio deve essere debitamente documentato dall’allievo per una durata annuale di almeno 150 ore per ogni anno di corso; da tale esperienza possono essere esentati coloro che operano in strutture pubbliche per la salute mentale, ove il Consiglio dei Docenti giudichi idonea la struttura in cui l'allievo lavora . Per tale scopo l'A.R.I.R.I. è convenzionata  con l'Università di Bari ed ha attivato  convenzioni con altre strutture pubbliche e private operanti nel campo della salute mentale, secondo le esigenze formative.

 

Art. 3) FORMAZIONE TEORICA 

L’ordinamento didattico dell’istituto è deciso e adottato dal Consiglio dei Docenti in relazione al modello formativo seguito, in ossequio alle disposizioni di cui al presente titolo.

Gli insegnamenti impartiti durante il corso, sono individuati e decisi  dal Consiglio dei Docenti su proposta del Segretario con riferimento alle aree disciplinari di cui all’art. 1.

  

Art. 4) Gli ORGANI della SCUOLA sono:

1. il DIRETTORE

2. il VICEDIRETTORE

3. il SEGRETARIO

4. il COMITATO SCIENTIFICO, istituito ai sensi dell’art.4,c.2 del Regolamento ex Art. 17 comma 96 della  Legge N. 127/97, pubblicato in G.U. n. 37 del 15 febbraio 1999.

5. il RESPONSABILE SCIENTIFICO

6. il CONSIGLIO DEI DOCENTI 

 

Art. 5) Il DIRETTORE della SCUOLA:

Il Direttore:

- viene nominato dal Consiglio dei Docenti della Scuola. 

- rappresenta la SCUOLA nei confronti della comunità scientifica, con la collaborazione del RESPONSABILE SCIENTIFICO.

- rappresenta la SCUOLA nei confronti dell'A.R.I.R.I.

- in collaborazione con il SEGRETARIO, convoca e presiede le riunioni del CONSIGLIO DEI DOCENTI e degli allievi, predisponendo gli ordini del giorno.

- redige le relazioni programmatiche e consuntive annuali e le trasmette al Presidente dell’ARIRI ed al MIUR.

- predispone l'elenco dei docenti, divisi come Docenti Didatti (che svolgono i Seminari e l’attività di formazione come supervisioni di gruppo, tutoraggio, analisi didattica, supervisioni individuali) e Docenti Cultori della Materia (che svolgono solo attività seminariale) e lo sottopone all'approvazione del Consiglio dei Docenti. 

- predispone i programmi d’insegnamento, in collaborazione con il Vicedirettore e con il Consiglio dei Docenti;

- è coadiuvato nelle sue attività dal VICEDIRETTORE e dal SEGRETARIO

 

Art. 6) IL VICEDIRETTORE

Coadiuva il Direttore in tutte le sue funzioni. E' eletto dal Consiglio dei docenti.

 

Art. 7) Il SEGRETARIO DELLA SCUOLA.

Il Segretario: 

- viene nominato dal Consiglio dei Docenti 

- coadiuva il DIRETTORE, assicurando il necessario supporto organizzativo a questi e al Consiglio dei Docenti;

- si occupa dell'organizzazione delle attività didattiche, di tirocinio e di supervisione

- cura gli aspetti amministrativi e contabili della SCUOLA, con mansioni di Tesoriere della Scuola. 

 

Art. 8) IL COMITATO SCIENTIFICO

Il Comitato Scientifico è costituito da tre esperti, di cui almeno un docente universitario che non insegni nella Scuola, nelle discipline di cui all’art. 8, comma 3 del citato decreto, e precisamente:

- psicologia generale

- psicologia dello sviluppo

- psicopatologia

- diagnostica clinica.

I componenti del Comitato vengono nominati dal Consiglio dei Docenti.

Il Comitato Scientifico presenta ogni anno al Ministero una relazione illustrativa dell’attività scientifica e didattica svolta nell’anno immediatamente precedente e sul programma per l’anno successivo.

 

Art. 9) IL RESPONSABILE SCIENTIFICO

Il Responsabile Scientifico, nominato dal Consiglio dei Docenti, svolge i seguenti compiti:

a. organizza, dirige e coordina le attività di ricerca in cui la Scuola è impegnata, coinvolgendo gli allievi ed i docenti

b. diffonde gli articoli di aggiornamento scientifico relativi all'indirizzo della Scuola

c. organizza gli eventi scientifici con relatori esterni nazionali ed internazionali 

d. promuove relazioni con esponenti di rilievo e di riferimento scientifico di altre Scuole per collaborazioni e scambi culturali

e. è coadiuvato dal  Segretario nell’organizzazione delle attività didattiche della Scuola 

 

Art. 10)  IL CONSIGLIO DEI DOCENTI

Il Consiglio dei Docenti è costituito dal Direttore,  dai Docenti Didatti con le loro funzioni e dal Presidente dell’ARIRI. 

Due volte l'anno al Consiglio dei Docenti partecipa, con funzioni consultive, una rappresentanza degli allievi costituita da quattro membri, uno per ogni anno di corso, eletti all'inizio di ogni anno dagli iscritti alla SCUOLA. 

Il Consiglio dei docenti delibera su tutte le questioni attinenti alla vita della Scuola ed in particolare:

- nomina i docenti della Scuola previa valutazione dei requisiti essenziali  come da art. 10

- collabora con il Direttore alla redazione delle relazioni programmatiche e consuntive annuali

- collabora con il Responsabile Scientifico, il Segretario e il Coordinamento Scientifico alla realizzazione dei programmi formativi della SCUOLA 

- delibera in merito alle domande di ammissione, con giudizio inappellabile e secondo le modalità e i criteri del successivo art. 11

Le riunioni del Consiglio sono valide purché sia presente la maggioranza dei componenti; le deliberazioni del Consiglio sono prese a maggioranza semplice.  

I Membri del Consiglio dei Docenti che non partecipano fisicamente (e non per delega) ad almeno il 50% delle riunioni del Consiglio dei Docenti per tre anni consecutivi decadono dal Consiglio stesso con atto deliberativo immediatamente attuativo.

 

Art. 11) IL CORPO DOCENTE. 

E’ composto da professionisti Docenti Didatti (che svolgono i Seminari e l’attività di formazione come supervisioni di gruppo, tutoraggio, analisi didattica, supervisioni individuali) e Docenti Cultori della Materia (che svolgono solo attività seminariale). Sono segnalati dal Direttore della Scuola che li sottopone all'approvazione del Consiglio dei Docenti.

Docenti Didatti fanno parte del Consiglio dei Docenti.

Il corpo docente della Scuola viene nominato dal Consiglio dei Docenti in numero adeguato alle esigenze degl'insegnamenti teorici, della supervisione e delle altre attività formative, sulla base di titoli scientifici e didattici qualificanti, idoneamente documentati e in base ai programmi della Scuola. Il docente non deve trovarsi in una situazione d' incompatibilità conseguente alla contemporanea identica o similare funzione presso un’altra Scuola privata della Regione Puglia riconosciuta dal MIUR. Possono comunque partecipare all’attività didattica presso la Scuola come Docenti Cultori della Materia, ma non possono partecipare al Consiglio dei Docenti.

I docenti che non danno la disponibilità all’insegnamento e alle altre attività didattiche per due anni di seguito decadono dal Corpo Docente con deliberazione del Consiglio dei Docenti.

 

Art. 12) MODALITÀ E CRITERI DI AMMISSIONE  

Entro il 30 Giugno di ogni anno il Presidente dell’ARIRI, sentito il Direttore della Scuola, pubblica il bando del concorso di ammissione alla selezione.

Il bando contiene tutte le informazioni necessarie ed utili, e in particolare:

- il numero dei posti disponibili

- le modalità di formulazione e presentazione con il termine ultimo d'invio delle domande di ammissione

- i requisiti generali e specifici a cui è subordinata l'ammissione

- la documentazione da produrre  relativa ai titoli professionali e curriculari utili alla formazione della graduatoria di merito.

I candidati devono far pervenire  entro il termine fissato nel bando annuale, la propria domanda d'iscrizione indirizzata al Direttore della Scuola  unitamente a un dettagliato curriculum professionale e alle certificazioni attestanti i requisiti richiesti. La domanda d'iscrizione s'intenderà perfezionata con il versamento della prima rata tramite bonifico intestato ad A.R.I.R.I., BANCA PROSSIMA, IBAN : IT30 D033 5901 6001 0000 0105 281 . Si precisa che tale somma  non verrà restituita per nessun motivo.

Le domande di ammissione vengono esaminate da una commissione composta dal Direttore, dal Segretario e da due membri designati dal Consiglio dei Docenti, per la verifica dei requisiti di ammissione e la valutazione dei curriculum presentato da ciascun candidato. La commissione stabilisce i criteri per la valutazione dei titoli nel rispetto dei criteri generali delle normative sui pubblici concorsi.

I candidati ammessi alla selezione vengono quindi convocati e invitati a sostenere due colloqui, con il Segretario e  con il Direttore.

La commissione, in base alla valutazione complessiva, formula quindi una graduatoria degli idonei, i quali vengono invitati a formalizzare la propria iscrizione al corso di formazione tramite gli adempimenti all'uopo prescritti.

Il giudizio della commissione è inappellabile.

 

Art. 13) REQUISITI DI AMMISSIONE

Ai corsi possono essere ammessi i laureati in psicologia e in medicina e chirurgia iscritti ai rispettivi Albi. I predetti laureati non ancora iscritti agli Albi d'appartenenza possono essere iscritti al Corso di Specializzazione con riserva  purché conseguano il titolo di abilitazione all’esercizio professionale entro la prima sessione utile successiva all’effettivo inizio dei corsi stessi (art. 7, c. 2 del Reg.to).

In particolare

a. Per coloro che sono laureati ma non ancora iscritti all'Ordine é ammessa l’iscrizione con riserva al primo anno. La norma prevede che l’allievo  deve obbligatoriamente sostenere e superare l'esame di abilitazione entro la prima sessione utile del primo anno d' iscrizione. In caso contrario, dovrà posticipare la specializzazione di un anno. 

b. E’ indispensabile che l’allievo, una volta conseguita l'Abilitazione, richieda l'iscrizione all'Ordine entro 30 giorni.      

c. A questo scopo fa fede il timbro postale (o il protocollo di arrivo, dipende da come si chiede l'iscrizione) e non la data in  cui l'allievo riceve la comunicazione dell'avvenuta iscrizione. Se  l’iscrizione all’Ordine viene chiesta dopo i 30 giorni, l'allievo dovrà posticipare la specializzazione di un anno. 

d. Pertanto, i candidati all'atto della domanda di iscrizione alla Scuola devono possedere i seguenti requisiti:

- laurea in Medicina e Chirurgia e iscrizione all'Ordine dei medici, 

oppure

- laurea Magistrale in Psicologia e iscrizione all'Albo degli Psicologi, 

oppure

- iscrizione all'Albo degli Psicologi

- laurea magistrale in Psicologia in attesa di iscrizione all’Albo (iscrizione con riserva)

 

Art. 14) CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA

La commissione esprime la propria valutazione dei candidati, al fine della formazione della graduatoria degli idonei, sulla base dei seguenti criteri generali: 

 

a) titoli: 

-  di carriera: punti 15;

-  accademici e di studio: punti 15;

- pubblicazioni: punti 5;

- curriculum formativo e professionale: punti 10 (ai fini della valutazione del curriculum vengono considerati la continuità e la qualità dell'impegno professionale relativamente a tre aree: ricerca, attività professionale, aggiornamento professionale in ambito psicoterapeutico)

b) colloquio: punti 45 (ai fini dell'attribuzione del punteggio relativo al colloquio vengono considerati 3 parametri fondamentali: la motivazione; la preparazione culturale; la reale disponibilità ad impegnarsi nel programma di formazione a lungo termine);

c) abilitazione conseguita: punti 5;

d) data di consegna della domanda: punti 5.

 

Art. 15) AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE

I candidati sono ammessi al corso di formazione secondo l'ordine della graduatoria di merito, in numero massimo pari a quello stabilito nel bando di selezione; in caso di rinuncia di un avente diritto, gli subentra il primo degli idonei. Il numero massimo di allievi ammissibili viene stabilito sulla base di parametri oggettivi, tenendo conto delle risorse formative disponibili.

 

Art. 16) SISTEMI DI VALUTAZIONE 

Per conseguire il Diploma di Specializzazione l’allievo deve effettuare un' analisi personale che deve avere inizio con un analista della scuola fra quelli disponibili in elenco entro il 2° anno di corso. La frequenza deve essere non inferiore a una seduta  settimanale. Il Consiglio dei Docenti si riserva di accettare analisi didattiche effettuate da analisti esterni alla Scuola con un eventuale supplemento di analisi.

Alla fine del 2° anno ci sarà una verifica con una Commissione Didattica formata dal Segretario e due docenti che esaminerà il percorso formativo svolto dall'allievo (deve aver frequentato almeno il 75% delle attività seminariali, svolto il tirocinio e frequentato almeno il 75% delle ore di Supervisione di Gruppo) e il grado di preparazione e  apprendimento raggiunto. A seguito di tale verifica, se la Commissione lo riterrà opportuno, l'allievo dovrà ripetere il secondo anno di corso, senza comunque oneri aggiuntivi . Tale verifica sarà sostenuta in una data e con un programma da definire e comunque non prima del 1° Marzo del terzo anno di corso.

Alla fine del Corso è prevista una verifica finale con una Commissione Didattica composta da due docenti e presieduta dal Segretario della Scuola; comprenderà, oltre alla verifica del percorso formativo svolto, grado di preparazione e di apprendimento raggiunto, la discussione di un elaborato teorico-clinico sviluppato dall'allievo (se l'allievo non è ritenuto idoneo o se il percorso formativo non è completo, valgono gli stessi criteri della verifica del 2° anno).
La verifica del livello di formazione viene effettuata secondo i seguenti criteri:

a) criterio quantitativo: l'allievo deve dimostrare di aver frequentato almeno il 75% delle attività seminariali e didattiche previste, le 150 ore di tirocinio pratico-clinico per anno di corso, il 75% delle ore di Supervisione di Gruppo previste. L'allievo che non soddisfi tali requisiti può essere autorizzato, per una sola volta durante il corso di formazione, a ripetere l'anno senza oneri economici aggiuntivi.

b) criterio qualitativo: a partire dal secondo anno gli allievi devono iniziare l’analisi didattica (se non è già in corso) con un analista della Scuola. Devono frequentare i Gruppi di Supervisione tenuti dai docenti della Scuola e svolgere le ore di tirocinio presso le strutture accreditate come previsto da Art. 2 del Regolamento. Queste ultime attività formative devono essere certificate dal tutor a cui è affidato l’allievo.

L’allievo riceve all’inizio di ogni anno un apposito libretto che consente all'allievo stesso e al Consiglio dei Docenti, il controllo delle presenze durante tutte le attività didattiche e formative svolte, al fine di sostenere le verifiche intermedie e l’esame finale.

Una volta terminati i quattro anni di corso ed avendo conseguito le idoneità delle verifiche (2° e 4° anno), l'allievo è ammesso alla valutazione finale.

A tal fine l'allievo deve presentare e discutere una tesi composta da
a) una relazione su un caso clinico seguito durante il corso e supervisionato dal tutor e durante i gruppi di supervisione;
b) una relazione su un argomento teorico attinente al caso clinico e alla formazione effettuata.

La tesi viene discussa con una commissione d'esame formata dai membri del Consiglio dei Docenti e presieduta dal Direttore della Scuola.

La commissione emette un giudizio di idoneità del candidato al rilascio dell'attestato finale. In caso di giudizio negativo, può invitare il candidato a presentarsi nuovamente alla valutazione finale dopo un periodo di tempo adeguato, indicandogli i motivi del giudizio di inidoneità ed affidandolo ad un tutor che possa aiutarlo a risolvere i problemi evidenziati.

All'allievo, che ha superato con esito positivo tutte le tappe valutative intermedie e finali, viene rilasciato dalla Scuola (per delega del MIUR) il diploma che l'abilita a richiedere l'inserimento nell'Elenco degli psicoterapeuti dell'Albo di appartenenza. 

ART. 17) DEROGHE

Per gli studenti che ne fanno richiesta e in possesso di idonea documentazione attestante una formazione teorica e pratica in psicoterapia rilasciata da una Scuola di Psicoterapia riconosciuta dal MIUR e acquisita successivamente all’entrata in vigore della legge  presso gli istituti di cui all’art. 14 Legge N. 127/97 (istanze di riconoscimento presentate prima del 15.5.97) e succ. modificazioni, è consentito il passaggio da una Scuola all’altra e/o l’abbreviazione del corso, previo parere positivo  del Consiglio dei Docenti e succesiva  approvazione del MIUR. 

 

Scarica il REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

Vai all'inizio della pagina